FUTUROPASSATO – RASSEGNA DI CINEMA DI FANTASCIENZA DELL’ETA’ DELL’ORO PUNTATA 109: Allarme Rosso (1985)

Ben ritrovati su questa rubrica di cinema di fantascienza dei tempi andati (noterete che non abbiamo scritto “bei”). Oggi facciamo un salto nei mitici ani ’80, con un film di SF da rat lab senza grandi pretese: Allarme rosso (1985).

La locandina del film
La locandina del film

La sched(in)a

Titolo originale Warning Sign
Altri titoli: “Allarme rosso” (tanto per fare confusione con il film omonimo con Denzel Washington), “A pochi secondi dalla fine”, “Biotek – Trappola Biologica”, “Trappola Mortale”
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1985
Durata 99 min
Genere drammatico, fantascienza, orrore
Regia Hal Barwood
Sceneggiatura Hal Barwood, Matthew Robbins
Fotografia Dean Cundey
Montaggio Robert Lawrence
Musiche Craig Safan

Locandina originale
Locandina originale

Il cast

Sam Waterston: Cal Morse
Kathleen Quinlan: Joanie Morse
Yaphet Kotto: Major Connolly
Jeffrey DeMunn: Dr. Dan Fairchild
Richard Dysart: Dr. Nielsen
G.W. Bailey: Tom Schmidt

La Quinlan alle prese con un incendio
La Quinlan alle prese con un incendio

Un po’ di storia

Dietro la copertura del centro di ricerche Agrotek per lo sviluppo dell’agricoltura i servizi segreti stanno avviando una serie di esperimenti miranti al perfezionamento di segretissime armi batteriologiche.
California. All’interno della sezione numero 4 dell’istituto di ricerca Biotek scatta l’allarme rosso: una provetta con un pericoloso virus viene accidentalmente rotta e il germe si sparge nell’aria, infettando a morte alcuni scienziati e assistenti. Mentre uno sceriffo e il suo aiutante cercano di far luce sulla vicenda, si attivano le procedure di emergenza e l’edificio viene sigillato.
Quando nello stabilimento si verifica un improvviso malfunzionamento delle macchine, dai laboratori fuoriesce un terribile gas che, agendo sui centri nervosi, inibisce le facoltà intellettive e fa esplodere una incontrollabile aggressività (In poche parole, degli zombies lucidi).
Per misura cautelare, l’intero complesso viene immediatamente chiuso ed il personale vi rimane prigioniero. Su Cal Morse, sceriffo della cittadina presso la quale è situato lo stabilimento, pesa adesso una doppia responsabilità: denunciare lo scandalo anche a rischio della propria vita e soccorrere la moglie Joanie che, imprigionata insieme al resto del personale ad Agrotek, in buona fede, crede di lavorare per i suoi concittadini.

Analisi

Il film si rivela ben presto privo di tensione e a nulla valgono (anzi, in qualche caso peggiroano l’effetto) una sceneggiatura un po’ ripetitiva ed effetti e trucchi già vecchi negli anni ’80. Buona la prova della Quinlan, cui però non giova il ruolo troppo legato agli stereotipi della damsel in danger, e di Waterson, poi divenuto famoso per la serie TV “Law and Order”, ma gli altri sono molto sotto.
Il film potrebbe essere interessante, comunque, ma non si allontana dagli stereotipi del genere, che negli anni ’80 erano già alle corde.

Curiosità

Originariamente girato come film per le sale cinematografiche, in Italia è stato distribuito direttamente in videocassetta per il mercato dell’home video. Per il mercato italiano ne esiste una sola edizione in VHS. Esiste una versione in DVD con localizzazione italiana edita da Koch Media 2012.

Voto

voto 2 di 5 (La tensione è scarsa)

 Kathleen Quinlan in azione
Kathleen Quinlan in azione

multimedia

Il trailer

Link esterni

La scheda di Allarme Rosso (1985) da IMDB.com
La scheda di Allarme Rosso (1985) da Allmovie
La scheda di Allarme Rosso (1985) da Rotten Tomatoes
La scheda di Allarme Rosso (1985) da Wikipedia
La scheda di Allarme Rosso (1985) da Bollalmanacco
La scheda di Allarme Rosso (1985) da FilmTV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *