FUTUROPASSATO – RASSEGNA DI CINEMA DI FANTASCIENZA DELL’ETA’ DELL’ORO PUNTATA 123: America 3000 – il pianeta delle amazzoni (1985)

Buona domenica e ben ritrovati in questa miniserie nella rubrica dedicata al fantasti-trash dei tempi che furono. Rimaniamo negli States, che di tarso ne hanno prodotto (anche con il nostro aiuto) tantissimo, per un film ad alti livelli di spazzatura: America 3000 – il pianeta delle amazzoni (1985)
La locandina del film
La locandina del film

La sched(in)a

Titolo originale Thunder Warriors
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d’America
Anno 1985
Durata 94 min
Rapporto 4:3
Genere fantascienza
Regia David Engelbach
Sceneggiatura: David Engelbach
Musica Tony Berg
Costumi: Debbie Leon
Studio: MGM Home Entertainment

Le amazzoni
Le amazzoni

Il cast

Chuck Wagner: Korvis
Maria Mayhenzet:
Laurene Landon: Vena
William Wallace: Gruss
Victoria Barrett: Lakella
Camilla Sparv: Reya
Galyn Gorg: Lynka
Shai K. Ophir: Lezl
Steve Malovic: Aargh the Awful
Ezra Dagan: Amie
Susan Giosa: Morha
Anat Zahor: Bowa
Karen Sheperd: Keva

Altra locandina
Altra locandina

Un po’ di storia

Nell’anno 3000, dopo un conflitto atomico, quello che resta del genere umano è regredito ad uno stato semiprimitivo. Le donne detengono la supremazia sugli uomini che sono utilizzati come schiavi, ma devono fronteggiare le scorribande di un gruppo di prigionieri fuggiti guidati da Korvis, il narratore della storia, e dal suo amico Gruss.
Inseguito dalle amazzoni, Korvis finisce nel bunker del Presidente degli Stati Uniti dove scopre la verità sull’origine della guerra nucelare. Poi indossa la tuta e viene scambiato per il Presidente. Allora elabora un piano e attira il capo delle amazzoni su una collina promettendo di restituirle l’amica fidata. Pi la porta a vedere il bunker e si rivela. nel frattempo, la sorella del capo delle amazzoni, istigata da consiglieri infidi, dà l’assalto alla base dei prigionieri. Il capo delle amazzoni e il “presidente”, avvertiti da ll’uomo che aveva ritrovato il Presidente, vengono avveritti dell’assalto, che fiisce con una sonora sconfitta delle amazzoni ma anche con un elevato numero di morti fra i fuggiaschi. Ma dal scontro nasce un nuovo “accordo” fra i due sessi.

Analisi

Fotografia, scenografie e costumi in stile Mad Max, per un film post apocalittico che gioca molto sugli stereotipi del genere. Le scene di lotta, così come il trucco dei personaggi, più che orrido è comico e grottesco.
Anche la sceneggiatura lascia alquanto a desiderare, con ritmi sballati e salti logici, soprattutto nella chiusa finale, troppo rapida e non preparata. Gli attori fanno del loro peggio, e si vede, ma la storia, sconclusionata in più punti, certo non aiuta.
Da non perdere, invece, le apparizioni del misterioso mostro, le cui origini non sono neppure accennate, che costituisce l’elemento comico della storia.

Lauren landon
Lauren landon

Recensioni

“La voce fuori campo di Gruss vorrebbe imprimere all’avventura un senso epico – alla maniera forse di Conan il barbaro -, ma l’intento è vanificato da una sceneggiatura scialba che trascina stancamente gli attori in situazioni oltre i limiti del paradossale” (MyMovies).

Voto

voto 1,5 di 5 (ad esser buoni)

Susan Giosa
Susan Giosa

multimedia

Il trailer (in inglese)

Il film in italiano

Link esterni

La scheda di America 3000 – il pianeta delle amazzoni (1985) da Wikipedia
La scheda di America 3000 – il pianeta delle amazzoni (1985) da My Movies
La scheda di America 3000 – il pianeta delle amazzoni (1985) da IMDB.com
La scheda di America 3000 – il pianeta delle amazzoni (1985) da Film Affinity
La scheda di America 3000 – il pianeta delle amazzoni (1985) da il Davinotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.