FUTUROPASSATO – RASSEGNA DI CINEMA DI FANTASCIENZA DELL’ETA’ DELL’ORO PUNTATA 127: Monster – Esseri ignoti dai profondi abissi (1980)

Ben ritrovati.
Giugno è ormai inoltrato e il caldo prosegue a spingere chi può verso il mare, almeno nei fine settimana.
Noi però siamo ancora qua, imperterriti, a raccontarvi di una fantascienza ormai quasi dimenticata, come il film di cui stiamo per parlarvi: Monster – Esseri ignoti dai profondi abissi (1980).

La locandina del film
La locandina del film

La sched(in)a

Titolo originale Humanoids from the Deep
Paese di produzione Stati Uniti d’America
Anno 1980
Durata 80 min
Genere orrore, fantascienza
Regia Barbara Peeters
Soggetto Frank Arnold, Martin B. Cohen
Sceneggiatura Frederick James
Produttore esecutivo Roger Corman (non accreditato)
Fotografia Daniel Lacambre
Montaggio Mark Goldblatt
Musiche James Horner

 L'aggressione sulla spiaggia
L’aggressione sulla spiaggia

Il cast

Doug McClure: Jim Hill
Ann Turkel: dottoressa Susan Drake
Vic Morrow: Hank Slattery
Cindy Weintraub: Carol Hill
Anthony Pena: Johnny Eagle
Denise Galik: Linda Beale
Lynn Schiller: Peggy Larson
Meegan King: Jack Potter
Breck Costin: Tommy Hill
Hoke Howell: Deke Jensen
Don Maxwell: Dickie Moore
David Strassman: Billy
Greg Travis: Mike Michaels, speaker radio
Linda Shayne: Sally, Miss Salmone
Lisa Glaser: Becky
Bruce Monette: Jake Potter
Shawn Erler: Shawn Hill

Locandina italiana
Locandina italiana dell’edizione in VHS

Un po’ di storia

Alcuni pescatori del villaggio di Noyo, California, catturano quello che sembra essere una sorta di mostro nella rete della loro barca. Il giovane figlio di uno dei pescatori cade in acqua e viene trascinato sotto la superficie da qualcosa di invisibile. Un altro pescatore prepara una pistola lanciarazzi, ma scivola e spara accidentalmente causando lo scoppio della barca e la morte di tutto l’equipaggio. Jim Hill e sua moglie Carol notano lo scoppio e cominciano a chiedersi cosa stia succedendo, soprattutto quando il cane di Carol scompare durante la notte seguente e i due trovano il suo cadavere smembrato sulla vicina spiaggia.

La notte seguente, gli adolescenti Jerry Potter e Peggy Larson fanno una nuotata in spiaggia. Jerry viene improvvisamente tirato sotto. Peggy crede che sia semplicemente uno scherzo fino a quando scopre il suo cadavere orrendamente mutilato. La ragazza urla e cerca di riparare in spiaggia ma viene attaccata e trascinata sulla sabbia da una figura mostruosa. La cosa umanoide le strappa il costume da bagno e la stupra.

Di notte, due ragazzi (di cui uno, Billy, è interpretato da David Strassman) si trovano sulla stessa spiaggia in una piccola tenda. Billy si trova nella tenda con la creazione in legno, da lui chiamata Chuck. All’improvviso un altro mostro umanoide lo uccide brutalmente. Mentre Billy viene ucciso Chuck muove gli occhi, osservando ciò che accade. L’umanoide insegue poi la ragazza sulla spiaggia. Lei riesce a correre più veloce del suo assalitore, ma poi si infila tra le grinfie di un altro umanoide. Il mostro la getta sulla sabbia e la stupra. Altri attacchi seguono ma vi sono pochi testimoni che possano raccontare ciò che sta esattamente accadendo. Anche il fratello di Jim viene gravemente ferito, e ciò induce Jim a pensare che ci sia un interesse personale nella questione. Una società chiamata Canco aveva annunciato piani per costruire una enorme fabbrica di conserve vicino Noyo. Si scopre che i mostri, mutanti omicidi affamati di sesso, sono apparentemente il risultato di una sperimentazione della Canco con un ormone della crescita che in precedenza aveva somministrato ai salmoni. Uno dei salmoni era fuggito dalle strutture del laboratorio in mare durante una tempesta, ed era stato mangiato da altri pesci più grandi che sono poi mutati negli umanoidi.

Nel momento in cui Jim e la dottoressa Susan Drake, una scienziata della Canco, capiscono cosa sta succedendo, è troppo tardi per fermare il Festival del Salmone annuale che i membri del villaggio stanno per far partire. Nel corso della manifestazione, gli umanoidi appaiono in massa, uccidono gli uomini e violentano ogni donna tra cui la reginetta della festa, che era in diretta in TV con il presentatore Mike Michaels. Per fortuna, Jim escogita un piano per fermare i mostri spargendo gasolio nella baia dove si sta svolgendo il festival e gli dà fuoco, facendo sì che le bestie prendano la via della ritirata. Carol viene assalita da due delle creature in casa, ma riesce a ucciderle prima che Jim arrivi.

La mattina dopo, tutto sembra sul punto di tornare alla normalità. Tuttavia, un po’ di tempo dopo, Peggy, sopravvissuta alla violenza sessuale, sta per partorire, ma la prole mostruosa schizza improvvisamente fuori dal suo stomaco in una fontana di sangue.

Analisi

Rappresenta una sorta di versione “aggiornata e corretta”, con generose dosi di violenza e scene di nudo femminile, delle trame caratteristiche di tanto cinema fantahorror degli anni cinquanta. Gaetano Mistretta notava che le fonti d’ispirazione sembrano spaziare, invero molto liberamente, dal «bellissimo racconto La maschera di Innsmouth di Howard Phillips Lovecraft al vecchio B-movie prodotto da Roger Corman Monster from the Ocean Floor (1954) di Wyott Ordung, […] all’italiano L’isola degli uomini pesce. Il film scorre prevedibile, dritto verso l’orgia di sangue finale. Niente di nuovo, nemmeno la tensione che poteva animare film all’origine del sottogenere, tipo Lo squalo, ma solo qualche nudo in più e molti sbadigli, anche per una recitazione, nel migliore dei casi, appena accettabile, quando non fortemente scadente..

Recensioni

Secondo Rudy Salvagnini, il film è un “vivace monster movie” che “aggiorna la vecchia formula con una buona dose di sesso”.
“L’idea bizzarra degli accoppiamenti umanoidi e donnine è usata malissimo, ci sono tante scene da mettere le mani nei capelli, (l’incidente iniziale alla barca dei pescatori, girata e scritta malissimo), un tormento continuo per gli uomini e gli umanoidi.
Si salvano alcune scene un po’ splatter, una gran bella sequenza finale di “mostruosa nascita” e poi il nulla” (Davide Viganò, Malastranavhs).

Curiosità

Il film ha avuto un remake omonimo, Humanoids from the Deep, film per la televisione del 1996 diretto da Jeff Yonis di cui Corman è ancora produttore esecutivo.

Voto

voto 2,5 di 5 (Appena accettabile)

Ann Turkel
Ann Turkel

Bibliografia

Mistretta G., 2003, Monster – Esseri ignoti dai profondi abissi, in Fantasmi di luce, vol. 7, Mondo Ignoto, Roma, ottobre 2003, pp.197-198.

multimedia

Il trailer (in inglese)

Il film in italiano

Recensione (in italiano)

Link esterni

La scheda di Monster – Esseri ignoti dai profondi abissi (1980) da Malastrana VHS
La scheda di Monster – Esseri ignoti dai profondi abissi (1980) da La zona morta
La scheda di Monster – Esseri ignoti dai profondi abissi (1980) da Le brutte storie
La scheda di Monster – Esseri ignoti dai profondi abissi (1980) da Wikipedia
La scheda di Monster – Esseri ignoti dai profondi abissi (1980) da IMDB.com
La scheda di Monster – Esseri ignoti dai profondi abissi (1980) da CinemaZ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *