FUTUROPASSATO – RASSEGNA DI CINEMA DI FANTASCIENZA DELL’ETA’ DELL’ORO PUNTATA 25: L’isola sconosciuta (1948)

Buona domenica e ben trovati.
Ritorniamo nella Golden Age della fantascienza made in USA con questo film, non proprio di grido (semmai da urlo), che passò per lo più inosservato (a ragione) anche in Italia: L’isola sconosciuta (1948).

Locandina originale del film
Locandina originale del film

La sched(in)a

Titolo originale Unknown Island
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d’America
Anno 1948
Durata 75 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.37 : 1
Genere avventura, fantastico, fantascienza
Regia Jack Bernhard
Soggetto Robert T. Shannon
Sceneggiatura Robert T. Shannon, Jack Harvey
Produttore Albert J. Cohen.
Casa di produzione Albert Jay Cohen Productions
Fotografia Fred Jackman Jr.
Montaggio Harry W. Gerstad
Effetti speciali Ellis Burman
Musiche Raoul Kraushaar
Scenografia Jerome Pycha Jr. (art director)
Robert Priestley (set decorator)
Trucco Harry Ross, Maria Marsha

Locandina originale del film

Il cast in una scena del film

Il cast

Virginia Grey: Carole Lane
Phillip Reed: Ted Osborne
Richard Denning: John Fairbanks
Barton MacLane: capitano Tarnowski
Dick Wessel: Sanderson, primo Mate (accreditato come Richard Wessel)
Dan White: Crewman Edwards (accreditato come Daniel White)
Phil Nazir: Crewman Golab (accreditato come Philip Nazir)
Ray Corrigan: Monster
‘Snub’ Pollard: avventore del Dive che indica Tarnowski
Harry Wilson: frequentatore bar

Virginia Grey
Virginia Grey

Un po’ di storia

Lo scienziato Ted Osborne e la fidanzata Carol cercano una nave per raggiungere una misteriosa isola del Pacifico. In una bar di Singapore trovano un capitano disposto a portarli a destinazione. Alla spedizione si unisce, dopo un iniziale rifiuto, John Fairbanks, l’unico superstite di una precedente spedizione nell’isola sconosciuta dove si sospetta vivano ancora degli animali preistorici.
La nave raggiunge l’isola e i viaggiatori, ancor prima di approdare, avvistano un branco di Brontosauri. Fairbanks li mette in guardia dai carnivori. Infatti poco dopo trovano un pericoloso Dimetrodonte poi una vallata piena di T-rex. Inseguiti dagli animali si accampano nella giungla. I marinai indonesiani, dopo aver conosciuto la destinazione tentano un ammutinamento, represso dagli ufficiali di bordo. Quelli che sbarcano vengono messi in fuga dopo il primo scontro con un T-rex.
Rimasti in cinque decidono, nonostante i pericoli, di continuare la spedizione. Osborne è alla ricerca di nuovi soggetti da fotografare per la sua ricerca. Dopo l’attacco di altri dinosauri il gruppo viene diviso e il comandante si ritrova con Carol. Dopo alcuni approcci il comandante viene respinto dalla donna. Poi vengono aggrediti da un dinosauro (non meglio identificato forse un Ceratosauro) che a sua volta viene aggredito da una specie di gorilla preistorico. Durante la lotta il comandante muore. I tre membri superstiti (Osborne, Carol e Fairbanks) se ne tornano sulla nave con una zattera da loro costruita.

Analisi

La storia, non molto dissimile da L’isola misteriosa del 1961, cerca in ogni modo di discostarsi dal modello (il romanzo di Verne L’isola misteriosa), ma i risultati sono disastrosi.
Gli effetti speciali sono decisamente ridicoli, i mostri sono quasi inguardabili e si muovono in modo palesemente artefatto, come se qualcuno indossasse un costume enorme, pesante e senza buchi per gli occhi.
La regia non è molto originale e la storia segue i leitmotiv della tipologia, ad esempio il più classico dei luoghi comuni, il triangolo, con due uomini che si contendono una bella donna, uno scienziato distratto e più interessato alla scienza che alla donna e agli altri e un avventuriero, affascinato dalla bella donna, coraggiosa e ricca.

Curiosità

Secondo un’intervista concessa al New York Times dal produttore Coehn, il budget si aggirava intorno ai 450.000 dollari, il 35% dei quali venne utilizzato per gli effetti riguardanti i mostri: soldi buttati.
Il film venne girato nel ranch di Corriganville a Simi Valley e nei General Service Studios a Hollywood e a Palmdale, in California dal maggio al giugno del 1948, il che spiega anche la qualità delle riprese.

Voto

voto 1 di 5 (da vedere solo se necessario)

multimedia

Il film in Italiano

Link esterni

La scheda del film su Catalog of Feature Films (AFI).
La scheda del film su Wikipedia.
La scheda del film su Comingsoon.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *