Comixologia puntata 14: Cryptopia

Ben ritrovati ai nostri (si spera non) pochi lettori. In questa puntata della nostra rubrica di comics, ovvero fumetti d’Oltreoceano, ritorniamo negli USA per una serie nuovissima: Cryptopia.

La copertina del n. 1
La copertina del n. 1

La trama

Salvata dall’annegamento da bambina dal mostro di Loch Ness, Shannon Palmer è ossessionata dai crytpids (cioè dalle creature leggendarie come il suddetto mostro) da allora. Tanto che, divenuta criptozoologa, è disposta a rischiare tutto, compresa la sua reputazione nella comunità scientifica e persino la sua stessa vita per dimostrare la loro esistenza. Quando Shannon, appena messa alla porta dall’università, viene assunta da René Dumont, della Dumont Enterprises, per partecipare ad una spedizione su un’isola misteriosa dove ci sono specie leggendarie nascoste che sembra vadano libere, lei coglie l’occasione. Così la criptozoologa organizza una squadra di ricerca riunendo una giovane entomologa (e sua grande amica) che vuole solo sfuggire alla vita da topo di laboratorio, un erpetologo ambizioso, una procace ed arrogante ornitologa.
La squadra, insieme a monsieur Dumont e al suo meccanico e autista, che ha avuto una relazione con Shannon finita pare male al College, parte con una mega nave per un’isola non precisa del Sud America.
Ma qualcosa non va e la criptozoologa scoprirà, suo malgrado, che le creature leggendarie non sono gli unici (né i più pericolosi) mostri in agguato nella natura selvaggia dell’isola di Cryptopia.

Una pagina del n. 1
Una pagina del n. 1

Analisi

La narrazione in prima persona, come insegna Frank Miller, è l’ideale per narrare le ossessioni del protagonista, ma qui si ricollega ad una lunga tradizione dei romanzi d’avventura e di anticipazione otto-novecenteschi, in cui viene utilizzato come strumento per garantire la “veridicità” della storia narrata. Il flashback iniziale, però, non aiuta, se non a caratterizzare come una dura la protagonista, in grado di tagliare la testa dello yeti che lo aggredisce.
I disegni non sono nulla di particolare, ma al servizio della narrazione, che è regolare, non compressa né dilatata, come nelle narrazioni moderne.

Una splash page con lo Yeti
Una splash page con lo Yeti

Scheda tecnica

Titolo: Cryptopia
Testi: Ben Raab
Matite: Pat Quinn
Chine: John Lowe, Mostafa Moussa, Pat Quinn
Colori: Lee Loughridge
Letterista: Jeff Eckleberry, Jason Levine
Editor: Ben Raab
Data di pubblicazione n. 1: 18 Aprile 2018
Mature Audiences: No
Casa editrice: Wondermasons
Prezzo: $ 1.99
c

Ancora lo Yeti
Ancora lo Yeti

Giudizio

Voto 4/5 (Interessante da leggere, anche se i disegni non sono fra i più originali sulla piazza)

Link esterni

La scheda di Cryptopia su Comixology

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *