Archivi tag: Antonella Lamazza.

LA CIMINIERA 11/2023- Salvo CARAMAGNO

CONTENUTI

Il M° Salvo Caramagno presentato da
Angelo Di Lieto, Vittorio Politano e Pasquale Natali;
Date armi alla Patria – Luigi Cavicchioli
Un antico bussolotto per individuare le Anime del Purgatorio più bisognose di suffragi di Antonio IANNICELLI;
Trappole elettorali (Satira del nostro tempo) di Domenico CARUSO
La riscoperta di Dante di Domenico CARUSO
ORONTA, regina delle Amazzoni di Marcello BARBERIO;
Dal caos nel mito, la creazione del mondo di Vittorio POLITANO;
Paul Dienach. L’uomo che vide il futuro di Raoul ELIA;
Convento di Luigi DIMA;

LO SPILLONE
L’adulazione secondo l’abate F. Chiaromonte
Napoleone gastronomo
– Primo e ultimo Imperatore degli Stati Uniti

Leggi o salva La Ciminiera n.ro 11 – Novembre 2023

Stampa La Ciminiera n.ro 11 – Novembre 2023

 

Giornata Mondiale F.A.O. dell’alimentazione 2023

Il presente numero speciale della nostra rivista intende essere un concreto contributo, con la validità di messaggio di condivisione del Centro Studi Bruttium di Catanzaro, dinnanzi la nobile missione svolta nel mondo dalla F.A.O.
Il lavoro in sequenza cronologica si unisce a quello dell’anno2022, che ha avuto il riconoscimento di essere stato inserito nella rete internazionale F.A.O.
Corre tuttavia l’obbligo di evidenziare che, in effetti, non si tratta di pubblicazioni dettate da una circostanza, in quanto la redazione del Centro Studi Bruttium e soprattutto il buon redattore editoriale, il prof. Natali, hanno finora tenuto in grande considerazione, con profonda sensibilità, i vitali temi della salvaguardia e buona funzionalità degli ecosistemi.
Ad essi, infatti, sono stati dedicate numerose ed approfondite pubblicazioni, presenti stabilmente e gratuitamente del resto, sul sito associativo.
Sana e genuina alimentazione, rischi di inquinamento e di contaminazione, agricoltura e pianificazione territoriale ecocompatibile e sostenibile, tutela e valorizzazione di quegli che gli antichi filosofi empirici dell’Ellade antica definirono elementi primordiali e principi della vita dell’universo (Acqua, Terra e Aria) hanno costituito e costituiscono tematiche usuali, su cui il redattore Natali ha dato sempre ampio spazio e risonanza.
Una divulgazione, dunque, mirata in sostanza a dare punti concreti di riferimento circa una sana e veritiera informazione e conoscenza che, in realtà, coinvolgono entrambe la validità di temi senza limiti di ordine temporale e spaziale in quanto purtroppo, sempre attuali.
Il Centro Bruttium, fra l’altro, ha partecipato anche alla Giornata mondiale del suolo del 05 Dicembre 2022.
Nella sua opera editoriale, materialmente così curata con professionale zelo ed attaccamento ai valori del sapere, il Centro stesso ha teso, vi è più, in tale contesto di divulgazione di cultura ecologica, a far comprendere al lettore, in riferimento specifico alla conservazione dei suoli, salvaguardia dei corpi idrici e spazi idraulici in genere, la sostanziale valenza di quel concetto di “Condizionalità” aziendale, oggi sostenuto ed anche incentivato dalla PAC .

Leggi o salva lo Speciale F.A.O. 2023

La Ciminiera n. 10 – Caterina Stillitano

In questo numero:

– Conosciamo Caterina STILLITANO
di Pasquale NATALI
– Luminosità e materia nelle opere dell’artista Caterina Stillitano
di Angelo DI LIETO
– Caterina Stillitano
di Vittorio POLITANO

  • Chlebnikov e la poesia visiva di Rosalba RUSSO
  • Barry Felle e i petroglifi di Atlantide di Raoul ELIA
  • Ottobre, il mese dei colori di Domenico CARUSO
  • La storia d’o morzèddu catanzarisa di Franco VALLONE

FATTI DI IERI O DI OGGI?
I “cacciatori di lardo”
Una simpatica canaglia: “Caio Memnio”

Per leggere o salvare La Ciminiera n. 10

Per stampare La Ciminiera n. 10

S-confini: FRA DIAVOLO la biografia secondo Bruto Amante

FRA DIAVOLO e il suo tempo (1796-1806)

La storia del personaggio, popolarmente noto con il nome di “Fra Diavolo” proposta nella Rivista Popolare Illustrata “Il Secolo XX” nel 1904 ci riporta ad una pagina drammatica delle vicende turbolente,
che investirono il Regno di Napoli e di Sicilia nel 1799 ed il decennio (1806-1812) che registrò l’insediamento del governo francese d’occupazione militare del mezzogiorno.
La vita di Fra Diavolo evoca, perciò, un periodo particolarmente deleterio segnato da una feroce e sanguinaria guerra civile tra le opposte fazioni filo borboniche e filo francesi, foriera di desolazione e morte in tutti i paesi del meridione d’Italia e specialmente della Calabria. ……

Antonella LAMAZZA

Continua a leggere o salva : S-confini 2023 – Fra Diavolo

o stampa in formato A4-Fronte-retro-senza margini

La Ciminiera n. 09 – Francesco GABRIELE

CONTENUTI

Incontro con Francesco Gabriele
di Vittorio Politano e Pasquale Natali;
– Le sirene di Raoul Elia;
– Santi monaci e chierici selvaggi
di Marcello Barberio a cura di Paolo Alfiere;
– DITITRAMBO
– Le foto della discordia di Alessandro Grammaroli;
– Il sacco di Roma (846 d.C.) e la battaglia di Ostia (849 d.C.)
di Gabriele Campagnano;
– Durabilità del calcestruzzo romano di Daniele Mancini;
– Stazioni di ascolto antiaeree
– Settembre, tempo di migrare di Domenico Caruso.

Per leggere o salvare LA CIMINIERA n. 09

Per LA CIMINIRA predisposta alla stampa

VITIVINICOLTURA e Riforma Agraria in Calabria di Mario DOTTORE

Giorno 9 agosto avrà inizio l’importante manifestazione, per la promozione del vino Cirò e Melissa, “Cirò Wine Festival!”.
Per l’occasione abbiamo ritenuto opportuno anticipare la distribuzione del  volume MONOGRAFIE, del dott. Mario DOTTORE, pienamente attinente al tema della manifestazione. Buona lettura e cin-cin con un bel bicchiere di Vino.

LEGGI o SALVA le MONOGRAFIE n. 16 agosto 2023

Se vuoi STAMPARLO usa questo LINK


Il presente lavoro aperto sul mondo culturale della vitivinicoltura calabrese, arricchito dalle belle illustrazioni dello  stimato maestro Salvo Caramagno, in ordine cronologico si unisce alle altre pubblicazioni del Centro Studi Bruttium  qui di seguito elencate, link compresi

 . . CARATTERI DELL’ANTICA VITIVINICOLTURA NELLA ZONAZIONE PRODUTTIVA DEL CIRO’ . MONOGRAFIE 08/2022
https://www.centrostudibruttium.org/blog/calabria/vitivinicoltura-01/

. TRADIZIONI STORICHE E SOCIOECONOMICHE VITIVINICOLE NELLA ZONAZIONE PRODUTTIVA DEL CIRO’- MONOGRAFIE  09/2022
https://www.centrostudibruttium.org/blog/calabria/vitivinicoltura-02/

, IL TESTAMENTO EPIGRAFICO DI MANIO MEGONIO E L’EREDITA’ DEI VIGNETI AMINEI A PETELIA (OGGI STRONGOLI) – iQUADERNI 09/2021
https://www.centrostudibruttium.org/blog/calabria/testamento-epigrafico-di-manio-megonio/

. IL CIRO’ COME COLTURA E CULTURA AL DI FUORI DI LEGGENDE COMMERCIALI – iDOSSIER  07/2021
https://www.centrostudibruttium.org/blog/antropologia/il-ciro-come-cultura-e-coltura/

. CULTIVAR E BIODIVERSITA’ NELLA TRADIZIONE STORICA VITIVINICOLA DELLA TERRA DI CALABRIA- iDOSSIER 03/2021.
https://www.centrostudibruttium.org/blog/antropologia/cultivar-e-biodiversita-nella-tradizione-storica-vitivinicola-della-terra-di-calabria/

Nel mese di settembre 2023 sarà disponibile l’ultimo numero di Civiltà Comune avente come titolo:
IL PARCO NAZIONALE DI CALABRIA ….

L’autore di recente ha anche ultimato un complesso quanto difficile studio dal titolo” L’ARTE ENOICA NELLA TRADIZIONE CULTURALE MEDITERRANEA E NEI LINEAMENTI STORICI DELLA CIVILTA’ ITALICA” ancora inedito.

La Ciminiera n. 08 – Giuseppe BARILARO

CONTENUTI

– L’arte di Giuseppe Barilaro  di Vittorio Politano, Pasquale Natali;
Tutta una repubblica in un pastificio – G.P. Callegari (1947);
– Persistenza della magia rurale in un’area del catanzarese – Marcello Barberio;
– Viaggi temporali, folli voli e rapimente alieni – Raoul Elia;
– Innondazioni, valanghe: la colpa è anche nostra – R. de Benedetti (1951);
Agosto, tempo d’estate – Domenico Caruso.

Leggi o salva: La Ciminiera  n. 08 – Agosto 2023

Per la stampa (anche casalinga!) su fogli A3 – Fronte /Retro :
La Ciminiera  n. 08 – Agosto 2023

LA CIMINIERA n. 07-2023 – Francesco GIORDANO

CONTENUTI

Incontriamo Francesco Giordano di Pasquale NATALI
La versalità del maestro Francesco Giordano, la raffigurazione del buio in sè e la poetica delle cose banali di Vittorio POLITANO
– L‘arte di Francesco Giordano fra dissonanze e simbolismo di Angelo DI LIETO
Luglio, il mese della fioritura di Domenico CARUSO
Fatti di Ieri o di OGGI?
             – Il dottore morto nel contadino vivo di G.P. CALLEGARI
            – La vettura di Napoleone a Waterloo di M. PELLEGRINO
            – Elogio del cane di Leon Battista ALBERTI
La casa del demonio si trova a Milano di Raoul ELIA
Cosa legava Roma a Brooklyn? di Alessandro GRAMMAROLI
Maria Cristina di Savoia di Antonio NICOLETTA
Piero della Francesca – Polittico della Misericordia di Roberto CAFAROTTI
Venusiani a Gravellona Toce? di Raoul ELIA

LEGGI o SALVA: La Ciminiera n. 07 – 2023

“LE MIE ESCURSIONI” diario poetico di Silvana FRANCO

TEMPRA ED INTELLIGENZA IN UNA DONNA AUTENTICAMENTE   MEDITERRANEA

Questo volume di Scribere  contribuisce ad approfondire ulteriormente le ricerche ed il pensiero della studiosa  ed intellettuale Calabrese, Silvana Franco, oramai nota e stimata anche dai lettori ed amici del Centro Studi Bruttium per le sue indagini storiche, quali quella mirata alla ricostruzione delle grange monasteriali nel Bruzio.

I contributi culturali della studiosa, nel segno di una  profonda passione  alla pari  di uno incommensurabile amore per la terra di Calabria, sono il frutto di rigorose ricerche scientifiche e di rilievi diretti sul campo, avulsi da marginalità, in cui punti focali del discorso, anche di natura poetica e letteraria, si connotano come  limpide espressioni  di una intelligente “mente mediterranea”.

Un mondo aperto alla libertà di pensiero, intraprendenza, giovinezza, fantasia, vitalità intellettiva dell’individuo, correlate tutte ad una indagine scientifica rapportata anche all’ambiente naturale circostante, nel quale Silvana Franco fa riscoprire ed “ammirare” le bellezze nascoste di una millenaria terra Bruzia, con un suo peculiare e mirabile patrimonio culturale ancora in larga misura inesplorato o poco noto.

Sotto l’insegna di una tangibile linearità ed organicità espositiva, in un apprezzamento personale della scrivente,  si viene a  focalizzare così  nitidamente,  anche  l’immagine di una solare donna di adamantina tempra, che con grande impegno e umiltà, svolge nella vita quotidiana  la sua  professione con provata qualità di fede, affascinando anche i lettori con i suoi splendidi scritti.

Antonella Lamazza
Resp. alla Cultura Sez. del C.S.B. di Crotone


LEGGI/SALVA Scribere 06-2023

Michele DE LUCA – CONOSCERE IL CALABRESE

CONOSCERE IL CALABRESE

Grammatica e sintassi per imparare a scrivere i dialetti calabresi

C’è un verbo, nei dialetti calabresi, che esprime a pieno gli scopi di questo volumetto: ‘mbizzára, ‘mbizzáre, ‘mbizzári, o ‘mmizzáre, secondo i luoghi, e vale ‘insegnare’ ed ‘imparare’! E può essere transitivo e, nella seconda accezione, anche intransitivo pronominale (De Mauro): mi ‘mbizzái u cantu! ‘ho imparato a cantare!’ (letter.: mi ho imparato a cantare!).
Da qui la necessità d’offrire al lettore un insegnamento graduale sui dialetti calabresi, in modo che una volta fatta propria la lezione di base, egli possa inoltrarsi in argomentazioni più complesse!
La suddivisione che si è voluta dare allo scritto è piuttosto sintetica, priva di fronzoli, centrata sulle argomentazioni significative, lasciando al lettore la possibilità di valutare l’applicazione delle “regole”, in base alla conoscenza che ha del proprio dialetto, perché non bisogna dimenticare che ogni dialetto ha una propria grammatica e sintassi, con le dovute eccezioni. Ma l’apprendimento da solo non basta per poter scrivere il dialetto, bisogna attenersi ad alcune indicazioni, quelle che, nella didattica delle lingue, sono chiamate “regole grammaticali”!
La trascrizione basata esclusivamente sull’impressione acustica non è quasi mai scientifica. Essa deve avvalersi, oltre che della conoscenza delle “regole”, anche di una buona audizione e di una rigorosa indagine dell’articolazione dei suoni, in modo da cogliere i fenomeni simili tra loro. E crediamo che queste brevi annotazioni possano, in qualche modo, soddisfare le richieste del lettore!

prof. Michele De Luca

LEGGI / SALVA : Conoscere il calabrese di Michele DE LUCA


OMAGGIO AD UN ILLUSTRE FIGLIO DI CALABRIA:

   Attraverso gli anni, la terra di Calabria  è stata  “madre”  di personalità insigni nel campo letterario, umanistico, ma anche in quello economico, sociale, pedagogico, medico, militare ecc. costituendo, pertanto, un arduo compito per chiunque voglia tentare di compilare un  elenco di tutti i nomi illustri, senza correre il rischio di fare torto a qualcuno di loro.
Quasi fisiologicamente, costantemente ed idealmente,ha preso corpo, così, un luminoso e solido “edificio culturale”, che si è opposto come una sorta di “baluardo” alla palese mediocrità ed ai pregiudizi dei tempi.
Un “edificio Culturale” fondato, essenzialmente,  per  ricordarci la funzione vitale di una “Civiltà Comune” migliorativa della qualità della vita e che, come tale,  non conosce, ne lo può, distinzioni di nazionalità, censo, razza, confessione religiosa.
Si è venuta a formare così, nella fuga dei secoli, quella Calabria “Dotta” che ha dato corpo e vitalità ad una italianità, dai positivi effetti e da ricadute costruttive, sotto vari aspetti, per la comune vita culturale della nostra madre patria.
Oggi a pieno titolo il Centro Studi  Bruttium propone in esclusiva la seconda edizione, ampliata e corretta, della fondamentale ed importante opera “Grammatica e Sintassi per imparare o scrivere i dialetti calabresi” di un degno figlio della generosa terra Bruzia, nella persona dell’esimio professore Michele De Luca.
Il professore De Luca, però, vive ed opera fuori regione, avendo al suo attivo un prestigioso  “cursus onorum” di cui ci  sembra oltremodo superfluo e forse anche fuori luogo elencarne le tappe, atteso il carattere costituzionale di un uomo che schivo ai formalismi, da autentico calabrese, ama la semplicità e l’essenzialità delle cose.
 
Antonella Lamazza Resp.Cultura sez. C.S.B. Prov. Kr