Arduino per tutti parte decima: Fritzing, e la progettazione è fatta (graficamente, almeno)

benritorvati su questo blog.
La settimana scorsa abbiamo visto l’editor online per Arduino Arduino web editor realizzato dalla stessa fondazione che ha creato la scheda.
Oggi, invece, vedremo un editor gratuito per Arduino più tradizionale (solo desktop), ma dalle brillanti capacità: Fritzing.

Fritzing è un programma multipiattaforma (è disponibile per Windows, Mac e Linux) che permette il disegno di circuiti in modo intuitivo. Se una volta per progettare un circuito si doveva imparare a usare un programma CAD, oggi anche un bambino può farlo con Fritzing.

Per scaricarlo, da qui

Una volta scaricato, scompattaiamolo e lanciamo il file di istallazione.
Al termine dell’installazione, comparirà l’interfaccia di Fritzing, che è divisa in schede, di cui la prima è Welcome.

View post on imgur.com

Molto interessante per noi makers è, ovviamente, la scheda Breadboard, con cui si può facilmente progettare un circuito simulando una basetta sperimentale, e risulta piuttosto utile anche la vista del PCB. È proprio quest’ultima che si utilizza per ottenere un prototipo dello shield da stampare.

View post on imgur.com

Per cominciare a lavorare, conviene spostarsi sulla scheda Breadboard: apparirà un’ipotetica breadboard. Naturalmente, occorre scegliere una scheda di prototipazione di riferimento, se il circuito è progettato per una di esse. Per esempio, si può prendere dal pannello dei Componenti una scheda Arduino UNO e trascinarla nei pressi della breadboard.
Allo stesso modo è possibile trascinare sul piano di lavoro tutti i componenti da collegare alla scheda, led, resistori, pulsanti, buzzer e quanto altro serva per il nostro progetto. per collegarli alla breadboard basta selezionare il punto di partenza e trascinare tendendo premuto il tasto sinistro del mouse, rilasciandolo nel punto in cui intendiamo inserire il collegamento. Il programma crea automaticamente il disegno di un cavo e suggerisce dove si può inserire.
Se gli oggetti si trovano in una posizione scomoda, basta ruotarli cliccando su di essi col tasto destro del mouse e scegliendo il menu Ruota.
L’ideale è posizionare i pin in modo che siano facili da collegare ad Arduino.

View post on imgur.com

I componenti possono essere posizionati anche sulla basetta. Basta trascinarli nei punti desiderati: ciascun componente verrà collegato automaticamente ai pin della bread board. Si può poi eseguire un collegamento tra i vari pin della bread board, oppure tra quelli Arduino e la bread board stessa, esattamente come in una situazione reale.
Ne viene fuori un progettino pulito pulito come quello nell’immagine sottostante.

View post on imgur.com

Per comodità si possono specificare i dettagli dei componenti, ad esempio il colore dei led o il valore di una resistenza. Questo consente di ottiene automaticamente la lista del materiale da acquistare per realizzare davvero il circuito.

Se ci si sposta nella vista PCB, dopo aver terminato di costruire il circuito tramite bread board, si può vedere che una prima bozza del circuito stampato è già pronta, realizzata automaticamente sulla base di quello che è stato disegnato. I collegamenti tra gli oggetti sono rappresentati da sottili linee tratteggiate.
L’obiettivo è rendere il PCB quanto più semplice possibile, quindi può rivelarsi necessario spostare e ruotare alcuni componenti, in modo da ridurre la lunghezza dei collegamenti tra i vari pin. La rotazione funziona esattamente come quella degli oggetti nella vista Breadboard: basta cliccare sull’oggetto da ruotare col tasto destro del mouse e scegliere Ruota.
Quando gli oggetti sembrano posizionati nel modo migliore, si può decidere di confermare l’attuale sistema di collegamenti del circuito stampato, cliccando sul pulsante Autoinstrada. Questo trasformerà i collegamenti dei vari pin in tracciati di rame. È importante scegliere il tipo di PCB: l’opzione predefinita è Both Layers, quindi il circuito verrà realizzato in modo che i collegamenti possano passare su entrambe le facce della scheda. Per diminuire il costo, si può decidere di stampare su una sola faccia, quella superiore o inferiore.

View post on imgur.com

Infine, spostandoci nella scheda Codice, è possibile inserire il nostro codice da trasferire sulla breadboard.

View post on imgur.com

Quando il circuito è ormai pronto, è possibile esportarlo. Fritzing offre la possibilità di esportare il PCB in formato PDF per poterlo stampare facilmente, per esempio su carta trasparente con cui realizzare il proprio PCB in casa. Oppure, è addirittura possibile far stampare da un apposito servizio il proprio PCB, cliccando sul pulsante Fabricate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *