Raspberry Pi stagione 2 puntata 4: Moodle (on the) Box

Il logo di Moodlebox
Il logo di Moodlebox
Ben ritrovati in questa quarta puntata della seconda stagione del nostro viaggio nel mondo della single board più diffusa al mondo.
Oggi ci occuperemo di una versione particolare della piratebox, una distribuzione che prova a coniugare strumenti di didattica digitale con le possibilità create dalla nostra piccola scheda: Moodlebox.

Moodlebox è una versione della celebre piattaforma di e-learning open source di nome Moodle, diffusa un po’ in tutto il mondo e altamente personalizzabile.
Citando da wikipedia: “Moodle (acronimo di Modular Object-Oriented Dynamic Learning Environment, ambiente per l’apprendimento modulare, dinamico, orientato ad oggetti) è un ambiente informatico per la gestione di corsi, basato sull’ideologia costruzionista secondo la quale ogni apprendimento sarebbe facilitato dalla produzione di oggetti tangibili.
Il suo software è scritto in PHP e JavaScript; è open source e modulare, permettendo quindi a qualunque gruppo di utenti di sviluppare funzionalità aggiuntive personalizzate”.

Il logo di Moodle
Il logo di Moodle

Gli autori di Moodlebox, però, hanno pensato di portare agli estremi la implementabilità di Moodle facendone girare una versione su una single board come il raspi.
L’immagine disco di raspai lite è stata quindi personalizzata per ospitare un server Moodle perfettamente operativo e in grado di gestire le attività dei corsi tramite il wifi del raspberry pi.
L’installazione è semplicissima. Il passaggio più difficile, per via della connessione lenta, è proprio il download dell’immagine.
Il file img potete scaricarlo in questa pagina, dove è riportato un link per il download diretto. per esperienza personale, però, suggerisco, se si incontrano problemi, di usare i due comandi da terminale o da linea di comando. Personalmente, ho usato il secondo, che riporto qui sotto:

curl -C - https://moodlebox.net/en/download/disk-image/ -o moodlebox.img.gz

Una volta scaricata l’immagine disco, basta effettuare il caricamento sulla scheda microSD, come visto nelle puntate precedenti per la piratebox e il gioco è fatto. Avviate il raspberry e in pochissimo tempo comparirà nell’elenco delle connessioni wifi una rete chiamata Moodlebox. Collegatevi e poi digitate nella barra degli indirizzi del vostro browser e vedrete apparire la schermata 1:

La schermata iniziale di Moodlebox

Come si può notare, nella home page il logo di Moodle (che vedete anche all’inizio di questa puntata) è legato al mirtillo simbolo del Raspberry pi.
Da qui, si possono creare corsi, inserire nuovi utenti ecc…
Ecco alcune immagini a conferma.

Attenzione. Moodlebox non è esattamente poco esoso di risorse, quindi consiglio caldamente di utilizzare una scheda Raspberry pi modello 3.

Il sito di Moodlebox è a questo indirizzo:
https://moodlebox.net/

E per oggi è tutto.
Ah no, dimenticavo…
Se non riuscite a scaricare l’immagine dalla pagina di download che ho indicato sopra e non vi va di ricorrere al command o al terminale, potete scaricare l’immagine da qui (niente paura, è la mia copia di backup, è controllata e Mega è un “hosting cloud” molto sicuro e veloce nel download).
Adesso è proprio tutto, alla prossima, gente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *