RASPBERRY PI STAGIONE 3 Puntata 4: DietPI

ben ritrovati.
In questa puntata e nella prossima della stagione vi presenteremo una distribuzione per il Raspberry Pi caratterizzata dalle dimensioni estremamente ridotte e dall’ampia versatilità: la DietPI.

Il logo di DietPI
Il logo di DietPI

DietPi (sito web: http://dietpi.com/) è una distribuzione per Raspberry Pi molto leggera che si propone come un’alternativa leggera ma completa alle distribuzioni ufficiali e più blasonate, come Raspbian.
Il gruppo alle spalle di quest distribuzione la descrive come un “lightweight justice and highly optimized minimal Debian OS”. DietPi, infatti, è una distibuzione derivata della distribuzione universale famosa per la sua stabilità.
Questa caratteristica rappresenta un enorme vantaggio perché, grazie a questa drivazione, è possibile accedere al vasto parco applicazioni disponibile nei repositories di Debian.
Dal punto di vista dell’hardware, DietPi ha una ampia gamma di dispositivi compatibili: la distro supporta ufficialmente, infatti, oltre al Raspberry Pi, anche Banana Pi, Orange Pi, NanoPi, Odroid, Asus Tinker Board, Sparky SBC (Allo) e RoseApple Pi. Milioni di utenti possono dunque testare DietPi senza particolari problemi di incompatibilità o di mancanza di driver.
L’utente ha a disposizione diversi programmi a corredo che garantiscono un’esperienza utente migliore rispetto a diverse soluzioni della concorrenza. Per installare DietPi nella propria board ARM si dovrà eseguire il classico caricamento del file ISO sulla microSD e seguire le istruzioni a schermo, in assenza di un monitor è anche possibile effettuare l’installazione da remoto tramite ssh.

Pagina dei download del sito dietpi
Pagina dei download del sito dietpi

DietPi-Software permette di installare e ottimizzare il software per il dispositivo “ready to run”.
Oltre ad automatizzare il processo di installazione e di configurazione Linux per voi, DietPi-Software applica anche delle specifiche ottimizzazioni uniche per il tuo modello hardware, garantendo così la massima performance del dispositivo.
Fra i numerosi pacchetti software disponibili già pronti per essere installati, ricordiamo i vari web server Apache, Nginx, Lighttpd, strumenti SSH come OpenSSH, VPN come OpenVPN e PiVPN, strumenti di accesso remoto, software per utilizzare l’hardware della Pi come WbIOPi, ma anche software per domotica, social, wifi, cloud, backup, sorveglianza, giochi, download, multimedia e desktop remoto.
E’ inoltre possibile scegliere il desktop preferito, come in tutte le ditro Linux. In questo acso, oltreai desktop classici Linux, ovvero LXDE, Mate e XFCE, nel repository troviamo anche GnuStep e Chromium.
Per questa puntata è proprio tutto. La prossima volta, vedremo come installare dietpi sulla nostra rpi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.