FUTUROPASSATO – RASSEGNA DI CINEMA DI FANTASCIENZA DELL’ETA’ DELL’ORO PUNTATA 32: 2+5: Missione Hydra (1966)

Bentrovati. Un piccolo classico seminale, quello che analizziamo in questa puntata della serie sulla fantascienza d’anta, per di più di italica paternità, sebbene la storia sia molto complessa. Il titolo, comunque, è 2+5 missione Hydra (1966).

Locandina originale (edizione italiana)
Locandina originale (edizione italiana)

La sched(in)a

Titolo originale 2+5 missione Hydra
Titoli alternativi
* Encuentros en las galaxias (Spagna)
* Destination: planète Hydra (Francia)
* Starbird (Francia, titolo home video)
* Star Pilot (Stati Uniti)[1]
* Raumschiff Terra zum Planeten der Affen (Germania Ovest, titolo home video)
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1966
Durata 89 minuti
Colore colore
Audio sonoro
Genere fantascienza
Regia Pietro Francisci
Soggetto Fernando Paolo Girolami (storia)
Sceneggiatura Pietro Francisci, Ian Danby
Produttore Aldo Calamara, Ermanno Curti
Fotografia Giulio Albonico, Silvano Ippoliti
Montaggio Pietro Francisci
Musiche Nico Fidenco
Scenografia Gianfranco Ramacci (scenografo), Rosario Maggio D’Aloisio (arredamento)
Costumi Gaia Romanini
Trucco Anna Cristofani, Cesare Paciotti, Euclide Santoli

Il cast

* Leonora Ruffo: Kaena
* Anthony Freeman: Paolo Bardi
* Roland Lesaffre: Professor Solmi
* Kirk Morris: Belsy
* Alfio Caltabiano: Artie
* Gordon Mitchell: Murdu
* Leontine Snell: Luisa Solmi
* Nando Angelini: Ingegner Morelli
* Giovanni De Angelis: Giulio
* Mirella Panfili
* John Sun: Dottor Chang
* Antonio Ho: Agente segreto cinese
* John Chen: Agente segreto cinese
* Pietro Francisci: Se stesso (non accreditato)
* Renato Montalbano: Dottore al dipartimento di casualità (non accreditato)
* Gianni Solaro: Direttore dell’istituto di ricerca (non accreditato)

una scena del film
una scena del film

Un po’ di storia

Il 14 giugno 1964, dopo un terremoto, i giornali danno notizia di un avvistamento UFO da parte di un contadino nella zona di Morino, in Sardegna. Il professor Solmi, insieme alla figlia Luisa e all’assistente Baldi, vengono convocati per studiare l’origine di una strana macchia che sembra corrodere il terreno. L’anomalia è dovuta alla presenta di una navicella spaziale proveniente dalla costellazione Hydra. Gli alieni sono giunti sulla Terra per capire se lo sviluppo tecnologico e scientifico della razza umana possa minacciare la pace dell’Universo, e qui vi è rimasta intrappolata a causa di un’avaria.
Tenendo due membri della spedizione e Luisa in ostaggio, gli alieni costringono Solmi a riparare l’astronave. Dopo un fallito tentativo di avvertire la polizia la navicella parte alla volta del pianeta Hydra. Il viaggio dovrebbe durare solo un paio di giorni, dato che la navicella viaggia a una velocità molto superiore a quella della luce, ma una ribellione dei prigionieri fa deviare la rotta verso un pianeta sconosciuto.
Scampata un’aggressione da parte dei nativi di quel mondo, la navicella riparte verso il pianeta Hydra, ma la scoperta di una navicella sovietica abbandonata nello spazio li riporta sulla Terra. A causa della dilatazione del tempo, dal momento che l’astronave viaggia a una velocità superiore a quella della luce, in base alla teoria della relatività ristretta di Albert Einstein, quando atterrano sono trascorsi numerosi anni, perciò il pianeta appare ora come un cumulo di macerie a seguito di una catastrofe nucleare avvenuta tempo addietro.
L’equipaggio decide così di tornare su Hydra, ma anche qui, per la medesima causa, vi giungono dopo numerose decadi, quando anche questo pianeta è radicalmente mutato: i governanti hanno deciso di abbandonare il pianeta lasciando a se stessa quella parte della popolazione ritenuta da loro indegna di continuare la specie.
I membri dell’astronave decidono così di rimanere per ricominciare da zero e dare vita a un nuovo mondo composto da terrestri e alieni.

il comandante della missione  Kaena (Leonora Russo)
il comandante della missione Kaena (Leonora Russo)

Analisi

Fantafilm scrive che “il film […] appare un po’ confuso e ambizioso, non tanto per gli effetti speciali che sono inesistenti quanto per il tentativo di rileggere i momenti tipici della fantascienza spaziale ora con i toni della commedia ora con quelli del melodramma all’italiana”.
“1960’s spaghetti space operas” è invece la definizione che del film dà il sito 1000misspenthours.com e, in effetti, la descrizione è abbastanza corretta. Innanzitutto, va sottolineato che il film ha un’intensa componente melodrammatica. lungi dall’essere però estranea alla storia, il tenore drammatico bene si sposa alla visione negativa, apocalittica, del futuro. Memorabile, in questo senso, la scena della distruzione di Roma, in cui, agli occhi afflitti dei superstiti, l’unica cosa rimasta “intatta”, se così si può dire, è il Colosseo.
Rivisitazione, dunque, dell’immaginario SF degli anni ’60 e seminale per alta SF successiva, riflessiva e post-apocalittica (ad esempio, Il pianeta delle scimmie, il cui finale ripropone la società umana distrutta dalla guerra atomica attraverso le rovine di un monumento fondamentale, in questo caso non il Colosseo, gloria dei Cesari, ma Miss Liberty).
Dunque, paradossalmente, proprio perché tutto ciò che dice è vero, il senso del commento generale sul film va assolutamente ribaltato.

il cast
il cast

Curiosità

La colonna sonora è stata composta da Nico Fidenco ed eseguita dall’orchestra diretta da Roby Poitevin e dal coro de I Cantori Moderni di Alessandro Alessandroni, ed è stata pubblicata solamente nel 2010 in CD dalla Digitmovies con numero di catalogo CDDM161, recuperando i nastri monoaurali conservati negli archivi della CAM e sotto la supervisione di Fidenco stesso.

Locandina della versione in spagnolo del film
Locandina della versione in spagnolo del film

Voto

5 su 5 (Bel film che risente poco del trascorrere del tempo, da vedere assolutamente)

ancora una scena con Kaena
ancora una scena con Kaena

multimedia

Il film in italiano

Il film in inglese (qualità migliore e senza tagli)

La colonna sonora (inizio sigla)

ancora Kaena, con costume sexy, armata e pericolosa
ancora Kaena, con costume sexy, armata e pericolosa

Link esterni

Scheda del film su MYmovies.it, Mo-Net Srl.
Scheda del film su 1000misspenthours.com
Scheda in italiano del film su Cine-mania.it
Scheda del film su Il Davidotti.
Scheda del film su Elitisti.com
Scheda del film su FilmTV.
Schedasu Internet Movie Database, IMDb.com. 
Scheda del film su AllMovie, All Media Network. 
Scheda del film su Rotten Tomatoes, Flixster Inc. 
Scheda in italiano su Fantafilm.
Scheda sulla colonna sonora di 2+5 Missione Hydra su Discogs, Zink Media.
Scheda sulla colonna sonora di 2+5 Missione Hydra su Soundtrack Collectors.

E anche per questa volta è tutto. Alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.